ATTENZIONE, post lungo e noioso per il concorso di Genny

mercoledì 4 novembre 2009

Pubblicato da Lydia

Ho pensato molto a lungo a questo concorso, al prodotto da utilizzare, alla ricetta da preparare, a come strutturare il post.
A me piace “studiare” e “conoscere” quello che cucino, quindi, stavolta Genny mi ha invitato a nozze.
Alla fine ho deciso di utilizzare qualcosa che conosco bene e che mi farebbe piacere portare a conoscenza di chi mi legge: l’olio extra vergine della penisola sorrentina, prodotto nella zona in cui ho trascorso tutte le estati della mia vita negli ultimi 37 anni.



I più conoscono Sorrento, ma la penisola sorrentina è molto di più, è il mare del parco marino di Punta Campanella, è il fascino dei Galli che aveva conquistato Nurajev, è la tranquillità verdeggiante dei Monti Lattari, è Sant’Agata sui due golfi protesa tra il golfo di Napoli e quello di Salerno, è i 18 borghi che compongono il territorio di Massa Lubrense, è le tradizioni legate alle processioni di Pasqua, è ristoranti stellati e trattorie da scoprire, è una serie di specialità gastronomiche più o meno note: la pasta di gragnano, il fiordilatte di agerola, il provolone del monaco, le noci e i limoni di Sorrento, e per l’appunto l’olio extra vergine d.o.p., ed è anche molto, molto altro.


L’olio della penisola è ottenuto dalla molitura di olive di qualità ogliarola o minucciola, coltivate in uliveti degradanti verso il mare su precari terrazzamenti in un territorio vulcanico, caratterizzato da un clima tipico mediterraneo.
Le olive sono raccolte a mano e devono essere molite entro il secondo giorno dalla raccolta.
Il sapore è dolce, con un vago sentore amaro e piccante, con profumo di rosmarino e alloro.


Ed ora passiamo alla ricetta, memore di una fantastica cremosa al cioccolato, olio e sale di Mannori, che Genny ben conosce, ecco un tortino al cioccolato, olio extravergine d.o.p. della penisola sorrentina e fleur de sal





TORTINI CIOCCO, FLEUR DE SAL E OLIO E.V.O. DELLA PENISOLA SORRENTINA
Per 6 stampini a cupoletta del diam di 5 cm
1 uovo
50 gr di zucchero
50 gr cioccolato fondente
25 gr olio e.v.o. della penisola sorrentina
25 gr farina
fleur de sal

Montare a lungo uovo e zucchero. Fondere il cioccolato a bagnomaria o con il microonde a bassissima potenza e aggiungervi l’olio.
Aggiungere al composto uovo zucchero, la farina , poi ciocco ed olio.
Mettere un cucchiaino di impasto nello stampino imburrato, un pizzichino di fleur de sal e poi un altro cucchiaino di impasto.
Infornare a 180 gradi per 6/7 minuti circa, lasciatelo un po’ umido, mi raccomando


Come avrete capito questa ricetta partecipa al concorso d.o.p. di genny in collaborazione con la compagnia del cavatappi

Questo post partecipa anche al contest per il terzo compleanno di Anna

http://ideeweekend.blogspot.com/2010/06/blog-compleanno-idee-per-tre-anni-la.html

20 commenti:

Gambetto ha detto...

Quelli sono anche i miei luoghi...di infanzia, dell'adolescenza, del presente quando posso. Guardando le foto mi vengono chiari in mente i sentieri delle montagne a ridosso della penisola sorrentina che si tuffano in mare tra gradoni di vite ed olive...
Sono troppo di parte per aggiungere altro :-)
PS
La preparazione è bella e certamente la COPIERO' quanto prima hehehe ma non ti dispiace se per oggi il primo piano lo lascio al post?! ;-)
Certo di comprensione ti auguro una buona giornata

Camomilla ha detto...

Io invece da quelle parti non ci sono mai stata, da molto tempo prego il mio ragazzo (che tra l'altro sarebbe pure di origini napoletane...) di portarmi a visitare quei magnifici luoghi che hai descritto, per ora senza ottenere alcun risultato però.
Devono essere favolosi questi tortini, chissà che prima o poi non ti rubi anche questi così come ho fatto con la brisée di Knam ;)
Buona giornata!

Federica ha detto...

Ho appena scovato il tuo blog, complimenti, ottime ricette! Io non sono una gran cuoca ma grazie ai blog come il tuo sto iniziando a sfornare anche io tante cosine niente male!

Buona giornata,
Federica da Bologna.

Virginia ha detto...

Bè, non sei stata così pallosa, và...

dada ha detto...

Avrei letto ancora ed ancora...voglio andarci in questo posto! La ricetta mi lascia senza parole per la sua essenzialità, nobiltà originalità. E' la foto è un quadro astratto (ma si mangia?)
Un abbraccio e buona giornata cara!

Gloria ha detto...

Bel post e gran bella ricetta da provare,soprattutto per una come mene che usa sempre olio evo nei dolc!

Lydia ha detto...

@ Gambetto, sapevo che questo post ti sarebbe piaciuto.
E' idealmente dedicato a te

@ Camomilla, ma allora devi colmare questa lacuna assolutamente.
Feliche ti sia piaciuta la brisèe di knam.

@ Federica, ho appena visitato il tuo blog, molto interessante, davvero.

@ Virgi, vabbè se me lo dici tu che non sono stata molto noiosa posso anche tranquillizzarmi

@ Dada, a volte mi sembra di proporre ricette un pò troppo semplici, ma non sono in periodo di grandi sperimentazioni, sono un pò pihgra ultimamente

@ Gloria, grazie mille!!
Dai uno sguardo anche alla cremosa all'olio e sale di Mannori allora, ti piacerà sicuramente

robertopotito ha detto...

non ho mai provato l'abbinamento olio di oliva e cioccolato,deve essere squisito!
baci

iana ha detto...

Non mi è sembrato affatto lungo e ancor meno noioso!!! Devono essere una bontà questi tortini!

ELel ha detto...

Wow...adorabile sia il post che la ricettina! E poi quei luoghi sono del mio maritino quindi non posso che amarli e amarne i prodotti!

Gambetto ha detto...

Troppo gentile come sempre...adesso si che posso dire a ragion veduta....COMMOSSO!! :-)
Grazie davvero

lacquadorosa ha detto...

Affatto lungo e noioso. Riscoprire i prodotti eccellenti e valorizzarli, come hai fatto tu, è una "missione". E soprattutto grazie: pensavo che il concorso fosse scaduto. Mi cimento, qui nelle Marche ci sono alcune cose imperdibili!!!

Gunther ha detto...

complimenti una ricetta favolosa sono molto favorecole all'olio extravergine d'oliva nei dolci per di più è un prodotto del territorio ancora meglio

lenny ha detto...

Sono una grande estimatrice dell'olio evo, re incontrastato da generazioni nella cucina della mia famiglie, ma è da pochissimo che ho imparato ad amarlo nei dolci :))
La foto è magnifica.
In bocca al lupo!

SABINA ha detto...

ciao lidia!! grazie di essere passata da me... mi ha fatto molto piacere conoscerti!! :))

Daniela ha detto...

Ciao Lidia felice di aver fatto la tua conoscenza ieri sera alla spaghettata Voiello, ti faccio i miei complimenti per il tuo blog.
Ciao Daniela.

le pupille gustative ha detto...

Ciao Lydia, eccola qua la nostra amata penisola di cui mi parlavi ieri sera. E poi...che bella la foto dei tuoi dolcetti, altro che :) Spero ricapiterà presto un'altra occasione per vederci,, lo dico davvero! Buona giornata, Chiara

Mirtilla ha detto...

che bel tesoro,altro che noioso!!

enza ha detto...

l'olio di oliva è un fil rouge che ti prende per mano e ti fa fare il giro della penisola.
per fortuna.
l'abbinamento con il ciocco poi è uno dei miei preferiti.

Anna Righeblu ha detto...

Grazie Lydia per questo post che mi ricorda sapori mediterranei e scorci magnifici... come punta Campanella... mi piacerebbe tornarci!

Un grande abbraccio :-)