Memories...

lunedì 15 novembre 2010

Pubblicato da robertopotito

Quando ero un imberbe ed ingenuo ragazzino, passai quasi un anno negli USA e precisamente a Walnut Grove nel Minnesota. Ero un cosiddetto “au pair” ossia ragazzo alla pari.
Au pair solo in teoria; avevo 14 anni e non appena la mia famiglia ospitante cominciò ad affidarmi semplicissimi compiti quali: dare da mangiare al loro amatissimo gatto oppure togliere qualche centimetro di foglie secche dal loro meraviglioso giardino, si resero conto che proprio non era cosa…
Frequentavo la scuola ed ogni mattina, Mrs Johnston mi consegnava con un certo orgoglio e sua personalissima soddisfazione il “packed lunch” che consisteva in un grande e spropositato contenitore nel quale c’era il mio pranzo al sacco: generalmente un enorme sandwich al formaggio giallo itterico salatissimo, cetrioli crudi acidi ed altri snacks meravigliosi.
Io prendevo il mio packed lunch e non appena arrivava lo “school bus” me ne “liberavo” nutrendo i vari gatti che gironzolavano nei dintorni.
Mi nutrivo essenzialmente di panini all’aglio e formaggio che acquistavo alla mensa della scuola.
Questa che vi propongo si avvicina abbastanza a questi indimenticabili panini dal gusto saggiamente deciso e delicato da gustare soprattutto con formaggi morbidi meglio se spalmabili.


Panini all’aglio di Walnut Grove


INGREDIENTI

10 GR DI LIEVITO DI BIRRA MOLTO FRESCO
200 GR DI FARINA FORTE (W>300)
400 GR DI FARINA DI FRUMENTO 0
50 GR DI CRUSCA DI FRUMENTO
320 GR DI LATTE INTERO
6 SPICCHI DI AGLIO ABBASTANZA GRANDI
2 CUCCHIAINI RASI DI SALE FINO
30 GR DI BURRO MORBIDO
UOVO INTERO LEGGERMENTE SBATTUTO

ESECUZIONE

Innanzitutto, in un pentolino versate il latte assieme agli spicchi di aglio schiacciati e portate lentamente ad ebollizione.
Mettete da parte e fate raffreddare. Filtrate il latte ed aggiungetelo molto gradualmente assieme al lievito di birra alle due farine che avrete setacciato e messo in una capiente terrina.
Aggiungete il latte poco per volta fino a quando non avrete ottenuto un impasto morbido, ma non appiccicoso. A questo punto, unite la crusca ed il sale e continuate ad impastare molto energicamente per almeno quindici minuti.
Ungete l’impasto ottenuto con i 30 gr di burro e ponetelo in una ciotola coperto da pellicola trasparente.
Fatelo lievitare per almeno tre o quattro ore.
Riprendete l’impasto, porzionatelo e formate dei nodini a vostro gradimento.
Spennellateli con un po’ di uovo sbattuto assieme ad un po’ di latte, sistemateli su di una teglia e fateli lievitare per circa 1 ora o fino al raddoppio del loro volume.Infornate a 180° e proseguite nella cottura fino a completa doratura dei panini

23 commenti:

Gambetto ha detto...

Immagino l'alito...!! ahahahahaa :DDD
Scherzi a parte, dopo essermi 'gustato' il racconto sulla stupefacente cucina americana per gatti...mi chedevo...ma quanto sono aromatizzati questi panini?
Nel mio caso, che non amo i sapori molto evidenti che dici...è il caso che dimezzo la quantità di aglio? Sai nonn vorrei ucciderli i gatti solamente respirando! :PP ehehhehehe

One Girl In The Kitchen ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
One Girl In The Kitchen ha detto...

Ahahhhh! Viva l'America! Non e' cambiato niente, il formaggio giallo plasticoso ed il pane bianco in casetta super gommoso sono sempre dei must del lunch box, anche se grazie al cielo San Francisco e' un'isola felice anche dal punto di vista gastronomico.
Non conosco questi panini all'aglio, ma avevano proprio la forma annodata? Mi sembrano proprio ottimi!

Diletta ha detto...

Ahahaha Roberto...diciamo che questo quadretto è anche molto British!! Mi ha fatto ricordare dei lunch box dei miei colleghi che consta rigorosamente di: 1 sandiwich tagliato perfettamente a metà, 1 pacchetto di crisps, 1 mela. E questo ogni giorno, di ogni settimana di tutto l'anno!!!

Il tuo pane deve essere strepitoso...io lo so, sono monotona....ma con Lazzaro?

Un sorriso scaccia vampiri,
D.

Lydia ha detto...

Fermi tutti, ma Walnut Grove non è il posto della casa nella prateria, quella serie tv con la famiglia Ingalls che andava in onda quando ero bambina?

lucy ha detto...

assolutamente ottimi questi panini!anche se con l'aglio poi ci si rintana da soli in un angolino.sai che non mi è mai capitato di mangiarli?!

One Girl In The Kitchen ha detto...

Lydia! Sei un mito, ma come hai fatto a ricordartelo?
http://www.walnutgrove.org/museum.htm
Io adoravo la Casa nella Prateria, e non so cosa avrei dato per una di quelle caramelle che vendevano nei vasoni di vetro! E anche per uno di quei vestitini col grembiule, se devo dirla tutta....

Lydia ha detto...

Sara, e le cuffiette??
Le bambine sembravano tante Holly Hobbies, e poi avevano tutte i capelli lunghi, io invece sempre capelli a maschiaccio, quanto le invidiavo...

CorradoT ha detto...

Naturalmente dovrei provare, ma la mia impressione e' che i panini siano solo profumati e non appestino l'alito. Molto interessante.

P.S. - Per restare in tema countryside kitchen hai per caso una buona ricetta di pane al granturco?

robertopotito ha detto...

@ Gambetto: credimi non sono per niente "alitosi"...alla fine rimane un semplice e delicato retrogusto.

@ onegirl: si erano proprio annodati, in quanto a scelte gastronomiche anche circa 28 anni fa ce n'era molta anche a Walnut Grove, ma io non avevo un cent per potervi accedere...

@diletta: mia cara, credo proprio che tu possa tranquillamente utilizzare il lievito madre nella proporzione di circa il 40% sul peso della farina.

@lydia: mia adorata, si si é proprio quel posto...avevo anche cercato la casetta dove lo giravano per darle volentieri fuoco...

@lucy:credimi che puoi tranquillamente stare nel mondo senza problemi...

@corrado: si ho un'ottima ricetta di panini al granturco da servire con il tacchino ripieno per il giorno del ringraziamento.

Gaia ha detto...

Dopo la dritta a Diletta, provero' con la pasta madre!
grazie!

CorradoT ha detto...

@Roberto: e' non che la pubblicheresti, visto la terza domenica e' vicina? (ma va bene anche dopo)
Grazie in anticipo!!!!

Vero ha detto...

nello stesso blog si parla il lunedì mattina di: panini all'aglio, casa nella prateria, Holly Hobbies...
che meraviglia...
C'è proprio profumo di caldi ricordi
baci e buon lunedì a tutti :)

Cleare ha detto...

anche in Danimarca mi davano panini agliosi con cetrioli e formaggio giallissimo..orribile..preferivo il Mc Donalds! Beh deve essere stata una bella esperienza!

arabafelice ha detto...

nooooooo sei stato a Walnut Grove???? Hai fatto un pellegrinaggio a casa di Laura Ingalls???
Scherzi a parte, anche a me sono stati propinati panini al cetriolo, che ho disgraziatamente mangiato perche' il resto era pure peggio.
Mi consolero' del triste ricordo con questi all'aglio :-)

robertopotito ha detto...

@gaia: sicuramente verrano bene anche con il lievito madre.

@corrado: li pubblicherò appena possibile, ma sappi che abbiamo un calendario di post già prestabilito e quindi bisognerà attendere un pochino.

@vero: proprio la migliore ed adatta situazione per astrarsi dall'inizio della settimana!!

@cleare: lo sai che in quel famoso formaggio giallissimo ci mettono quintali di colorante ed anche una sostanza che consente al formaggio di fondere in modo uniforme in cottura? per carità!!

@araba: ebbene sì ci sono stato e ho mangiato sandwiches con burro salato e burro di arachidi assieme...

Glu.fri cosas varias sin gluten ha detto...

..devo aver confuso i telefilm..pensavo alla signora in giallo ma quella sta nel maine adesso che ci penso...
Il panino ammazzavampiri me piace assai...

Lydia ha detto...

Simonetta, quella dell'immortale signora in giallo è Cabote Cove

Gio ha detto...

certo che gli americani propinano dei sandwich a volte davvero immangiabili...il tuo pane invece è bello soffice e buono, da accompagnare con un bel formaggio molle mmmmmm che fame!

giulia pignatelli ha detto...

Mi piace molto questa ricetta Roberto, li provo di certo. Io poi adoro l'aglio! SAi che ho fatto anche i cornetti con la semola? Divini!!! Prima o poi posto, ma non subito, se non sembra che faccio solo le tue ricette : )))) Baci

robertopotito ha detto...

@glufree:condivido la stessa ammirazione per la signora in giallo

@gio: il formaggio morbido é l'accompagnamento ideale.Provalo anche con un goccio di miele..

@giulia: sono felicissimo che i cornetti con la semola ti siano venuti bene al primo colpo e non sai quanto!!! bravissima!!!
un bacio grande

Milen@ ha detto...

L'aroma dell'aglio è deciso o tenue?
Mi paicerebbe sfruttare l'idea per dei biscotti salati ....

robertopotito ha detto...

@milena: scusami per il ritardo, ma il sapore dell'aglio è decisamente tenue. vai tranquilla!!!