l'avete scampata bella

lunedì 15 marzo 2010

Pubblicato da Lydia


A causa di questa tartelletta mi sono beccata della grulla, mi sono sentita dire “te tu voi fare un gran troiaio” (per favore leggetelo in fiorentino stretto), mi sono sciroppata una giaculatoria di oltre un’ora alle 7 della mattina sull’utilizzo della pate a bombe, della meringa all’italiana e del glucosio.
E pensare che volevo solo fare una mousse, o qualcosa di similare, al cioccolato ed olio d’oliva.
Ma voi non conoscete Lisa, Lisa è il larousse dei dessert in persona, Lisa conosce tutte le preparazioni di base della pasticceria e anche di più, ed io a lei mi rivolgo se ho dubbi esistenziali in campo pasticcero.
Per fortuna Lisa mi ha dissuaso dal fare un gran papocchio e mi ha suggerito di partire dalla ganache montata di Santin, e così ho fatto.
Quindi se ho fatto una tartelletta niente male, per favore, ringraziate Lisa.
La base della frolla è quella al mais, che ho utilizzato anche qui.

Dimenticavo di dirvi 2 cose:
1) le foto sono orribili, ci sono delle giornate in cui non c'è possibilità alcuna che la musa protettrice dei fotografi venga in vostro soccorso. In tal caso non resta che farsene una ragione e scegliere la meno peggio.
2) con questa ricetta partecipo al contest italo francese di altergusto che scade proprio oggi




TARTELLETTA CON GANACHE MONTATA AL CIOCCOLATO E OLIO D’OLIVA

Per la frolla


100 gr di farina 00
100 gr di farina di mais fioretto
60 gr di zucchero sottile (tipo zefiro)
100 gr di burro
1 uovo


Preparate la frolla come siete abituati a fare, io metto tutto nel Kenwood e con la foglia impasto tutto.Penso sia il modo migliore, si può utilizzare burro di frigo, non lo si maneggia, e si fa velocemente, il che non guasta.Foderare gli stampi per tartellette e metterli in freezer per qualche minuto.Ricoprirli di legumi per tenere la frolla bene in forma ed infornare a 180 gradi per una decina di minuti

Per la ganache montata al cioccolato e olio d’oliva
200 ml panna fresca
60 gr olio e.v.o
20 gr di glucosio
160 gr di cioccolato fondente al 50%

Portare ad ebollizione la panna e il glucosio. Versare quindi sul cioccolato fondente tritato, se non usate quello in pastiglie, farlo sciogliere bene.
Frullare il tutto con un frullatore ad immersione aggiungendo l’olio d’oliva, facendo attenzione a non incorporare aria.
Mettere il composto in frigo per almeno 12 ore (in realtà io l’ho tenuto solo un paio d’ore).

Al momento di servire, montare la ganache, non troppo soda. Deve restare soffice. Riempire le tartellette con la ganache e decorare a piacere

32 commenti:

Gambetto ha detto...

Mai fatto una frolla con il mais e devo dire che mi incuriosisce. Mi chiedevo come usando un frullatore ad immersione si riesca a non far incorporare aria, tenendolo sempre sotto il livello del liquido forse?
Le foto invece rendono giustizia a questa piccola delizia "alternativa" per quelli che sono i miei gusti ma nn per questo meno golosa!
Buonissima giornata ad entrambe! ehehehe

Lydia ha detto...

@ Gambetto, esatto, basta non sollevarlo.
Buona giornata a te

SUNFLOWERS8 ha detto...

A me queste foto piacciono proprio tanto, sarà che sono abituata ai miei orrori!
Il dolcetto mi pare altrettanto bello e molto godurioso quindi si, sei promossa a tutto campo ^__^
Bacioni
Sonia

Genny ha detto...

la frolla al mais lanciata da manu incuriosisce un sacco anche me....pate a bombe e meringa all'italiana...sto entrando anche io piano piano in questo mondo::D
buona settimana lydia bella!

Lydia ha detto...

@ Sunflower, grazie, meno male che ci sei tu a promuovermi!!

@ Genny, veramente questa è un'elaborazione nata dal fatto che in questo periodo sto assumendo solo certe farine. Quella che avevo fatto in origine per la tartelletta quadrata è con farina di mais e farina di grano duro, stavolta, per amici ho sostituito il grano duro.
Quella di Manu, mannaggia a me, non ho ancora avuto il tempo di andare a guardarmela

Giò ha detto...

mi piace l'idea del mais insieme alla ganache all'olio, un bel contrasto!

elenuccia ha detto...

Se dici che queste foto fanno schifo allora vado a seppellirmi direttamente "senza passare dal via".
Visto che questa ganache ha richiesto il consulto didue mostri sacri, non posso non provarla. E poi l'idea di usare l'olio invece della panna mi intriga.

PS: quegli stampini per tartellette sono una favola!!! te li invidio molto..

Diletta ha detto...

Hola Lydia,
io sono ancora abbastanza ignorantella riguardo alle basi e ai termini di pasticceria...mi sa che ti conviene stare molto attenta quando Lisa ti spiega...cosi' poi tu spieghi a me!!!

La frolla con il mais non l'ho ancora provata....ma ti ho già detto che mi hai un sacco incuriosità! Ma sa tipo di krumiro?

Un sorriso e buon corso tonight...mannaggia ai canadesi.
D.

Maurina ha detto...

Devo proprio provare questa ganache all'olio, mi ispira tantissimo! Buona settimana

Lydia ha detto...

@ Giò, in effetti stavano proprio bene insieme.
Connubio azzeccato

@ Elenuccia, l'olio sostituisce il burro qui. La panna c'è.
Buona giornata

@ Dile, stavolta ho paccato anch'io...
Questa frolla al mais è meno burrosa dei krumiri e più delicata, anche perchè l'ho stesa abbastanza sottile

@ Maurina, è estremamente semplice e molto buona.
Per me il connubio olio-cioccolato è stupendo

ELel ha detto...

Se ti va potrebbe essere un'ottima ricetta per la mia raccolta, dacci un'occhiata, mi farebbe piacere partecipassi!

Camomilla ha detto...

Di queste tartellette ci sono diverse cose che vorrei provare, dalla frolla al mais che mi pare proprio fichissima, alla mousse al cioccolato con l'olio di oliva... mi pento solanmente di non aver acquistato il glucosio due sabati fa a Roma, però in compenso ho preso i pesetti di ceramica per cuocere la frolla in bianco ;)
Buona giornata!

Saretta ha detto...

A parte il fatto che mi hai fatto fare due risate come al solito, ste tartelette sono da urlo!Una ganache del genere unita alla frolla croccante immagino sia da lacrime!Bacione

Ciboulette ha detto...

Lydia, devo leggermi con calma in un altro momento la ricetta, che mi aveva gia' incuriosito quelche giorno fa :))

Ora che ci penso, ho pubblicato una torta con l'olio d'oliva (non la crostatabruttamabuona) che posso far partecipare al concorso, grazie per avermelo ricordato! n bacio (e speriamo che blogger sia piu' buono con me :))

felix, but not the cat ha detto...

Grazie LISA! Dai le foto non sono così male, si capisce bene la bontà di questo dolce, o no?
Per le foto quando c'è poca luce ti consiglio di usare delle lampade tipo le piantane e puntarle dal basso verso il soffitto e bilanciare il bianco delle fotocamera, ovviamente questo dipende dal tipo di macchina fotografica che possiedi. Saluti. FElix

Lydia ha detto...

@ Elel, questa ricetta partecipa già al contest italo-francese sui dolci con l'olio d'oliva, mannaggia

@ Camo, vuoi che ti spedisca il glucosio? Ne ho in quantitativi industriali

@ Saretta, se fossi stata tu al telefono con quella strega di Lisa non so quanto avresti riso ;-)))

@ Cibou, che faresti senza di me???!!! ;-))

@ Felix, ecco un bel problema, il bilanciamento del bianco. Il mio incubo

Gloria ha detto...

La frolla al mail mi aveva incuriosita già l'altra volta, con questa ganache deve essere perfetta! Olio e cioccolato mi piacciono... una domanda: dove si trova il glucosio??

maetta ha detto...

Interessantissima una mousse al cioccolato all'olio d'oliva......
a parte la panna, il mio colesterolo ringrazia :-)

dada ha detto...

Allora grazie Lisa ma soprattutto grazie a te per questo post goloso e simpaticissimo come sempre. E questa frolla al maïs ormai mi tormenta :-)
Un abbraccio e buon inizio settimana

Nanninanni ha detto...

Wow! La ganache all'olio d'oliva mi ricorda quando per sfida feci una pralina all'olio d'oliva. Su 10 coperture fondenti ne trovai una sola che mi soddisfacesse!

sara b ha detto...

ooookey, allora la prossima volta che tenterò di non far lievitare a sufficienza un dolce o che sarò a un passo dallo smontare una mousse, mi fionderò da lisa! bellissimo dolce cara, col mio amato olio evo, chapeau :)

Elga ha detto...

Bisogna che mi prepari bene prima di cimentarmi nella pate a bombe, ma se pò fa, se pò fa :)) Bellissime!

Lydia ha detto...

@ Gloria, il glucosio lo trovi nei negozi che vendono prodotti per pasticceria

@ Maetta, il mio colesterolo saluta il tuo....

@ Dada, ne ho il freezer pieno!!!
Unbacione

@ Nanninanni, io scommetto che le tue praline io le avrei trovate tutte più che soddisfacenti

@ Sara, hai cambiato nick!!!!!
Chapeau detto da te mi commuove

@ Elga, la pate a bombe se pò fà, se ci riesco io ci riescono tutti!!

Gaia ha detto...

ecco, sono incuriosita anche io della pate a bombe...
e ancor di piu' di andare a trovare lisa, prima o poi al suo localino!
:-)

Ciboulette ha detto...

non imparerei nuove metodologie su come fare orecchiette perfette!!! Guarda che appena ho un po' di tempo ti ci faccio un post :D

Lisa ha detto...

Lydiuccia bella sei troppo modesta, il merito è solo tuo :) Io non ho fatto un bel niente! Domani sali presto che dopo il lavoro ce ne andiamo fuori!!! L'aragostella ti aspetta :))))

Lydia ha detto...

@ Gaia, se vieni stasera trovi anche me!!!

@ Cibou, zia Pasquina si arravoterà nella tomba!

@ Lisa, oramai sono nel tuo stato di famiglia

robertopotito ha detto...

ciao gioia !!!
grazie a questa ricetta sono riuscito a preparare la mia prima crema ganache!!!
baci!!!

Lydia ha detto...

@ roby, poi me la fai assaggiare!!

Gaia ha detto...

noooooo
ho letto troppo tardi.....
la prossima volta, mi avvisi??
baci

Rosiana Monbon ha detto...

Sono davvero orgoglioso di scoprire te stesso, il tuo blog è davvero grande! Mi piace la sua interfaccia, e mi è piaciuto anche il contenuto troppo. Soprattutto così continuare!

Consultation voyance gratuite

susane ha detto...

Super blog, j'adore vos articles et reportages, bonne continuation.

voyance gratuite par telephone