MARITOZZI NATALIZI

venerdì 21 novembre 2008

Pubblicato da robertopotito



Buoni, semplici e morbidi preparati con ingredienti semplici di facilissima reperibilità...
Tuttavia, l'impasto dei maritozzi presenta una semplice, ma complicata insidia:
l'aggiunta di un solo uovo su 500 grammi di farina e di circa 50 grammi di olio extravergine di oliva.
Sia l'uovo che l'olio sono particolarmente impermeabili e potrebbero rendere la lievitazione dell'impasto alquanto difficoltosa ritardandola notevolmente...
Di maritozzi ne esistono due versioni: i maritozzi fini di pasticceria ed i maritozzi semplici o rustici o comuni...
Al giorno di oggi, i maritozzi comuni non sono quasi più reperibili; i maritozzi fini di pasticceria hanno preso il sopravvento...
Ovviamente, la ricetta che vi propongo riguarda i maritozzi comuni.
Provateli perché sono veramente buoni e non eccessivamente grassi...
Preparateli con colui o colei che amate, con i vostri figli, con i vostri amici o parenti...
Se avete intenzione di consumarli con colui o colei che amate; ogni boccone un bacio dolce e delicato come il maritozzo...
Rivivrete l'atmosfera semplice e genuina del Natale a Roma di qualche anno fa...
Ecco la ricetta:
500 gr DI FARINA O OPPURE OO
50 GR DI OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA
1 UOVO INTERO DI MEDIA GRANDEZZA
12 GR DI LIEVITO DI BIRRA FRESCO
2 CUCCHIAI DI ZUCCHERO
UNA MANCIATA DI PINOLI
UNA MANCIATA DI ARANCIA CANDITA
SCORZA GRATTUGIATA DI MEZZO LIMONE
ESECUZIONE
Intridere bene e con calma la farina con l'olio extravergine di oliva, aggiungere lo zucchero semolato ed aggiungere ora il lievito disciolto in poca acqua a temperatura ambiente.
Lavorare molto bene e con cura l'impasto anche se vi sembrerà secco e sbriciolato, quando non vedrete più il colore dell'olio che crea striscie cromaticamente difformi nell'impasto, unire l'uovo intero e la scorza grattugiata del mezzo limone.
Lavorate, lavorate, lavorate senza aggiungere farina o liquidi; lavorate per almeno un quarto d'ora.
Solo ed unicamente e solo dopo questo tempo, se vi rendete conto che l'impasto è secco ed ancora sbriciolato, unire gradualmente qualche cucchiaio di acqua a temperatura ambiente.
Lavorate e lavorate e quando l'impasto avrà raggiunto una consistenza morbida ed elastica, mettetelo a riposare in una ciotola leggermente unta con olio e coperta da pellicola trasparente.
Assicuratevi che l'impasto abbia raddoppiato il proprio volume, riprendetelo ed aggiungetevi la frutta secca non eccedendo con l'impastamento.
Formate dei panini oblunghi e spennellateli con un po' di olio ed acqua e fate riposare fino a quando si presenteranno ben gonfi.
Cuocere in forno a 180° per circa 15 minuti, estrarli dal forno e spolverizzateli immediatamente con abbondante zucchero a velo.
La loro conservazione non è molto lunga, potete tuttavia congelarli e gustarli sotto l'albero di Natale....


13 commenti:

Lydia ha detto...

Ogni boccone un bacio...solo tu potevi pensarci...
Robby, scusa, ma non riesco ad immaginarmi la consistenza, una via di mezzo tra un pane ed una brioche?

robertopotito ha detto...

esattamente...sono molto buoni
ciao tesoro e buon fine settimana!!!

Dida ha detto...

Fantastici, proverò a farli prima o poi anche se i lievitati non sono il mio forte. Grazie Roberto, le tue spiegazioni sono sempre esaurienti.

Barbara ha detto...

FA VO LO SI!! Questi posso provare a farli anch'io... grazie!!!

manu e silvia ha detto...

Buoni buoni....ci piacerebbe tantissimo assaggiarli!!questi sembrano davvero golosi, e gli ingredienti non sono niente male!!
bacioni

Daniela di SenzaPanna ha detto...

Un morso e un bacio, un bacio e un morso...
Come siete romantici!!!

Li proverò Roberto caro!! Ma solo perchè ci hai messo i pinoli e l'arancia candita che non tutti sanno ma sono irrinunciabili nei VERI maritozzi.

Bacio!!!

L'Antro dell'Alchimista ha detto...

Sono anni che non addento più un maritozzo! Toccherà provare questa ricettina! Buona serata Laura

Carmen ha detto...

da provare assolutamente! grazie roberto che ritore te e lydia, un bacione grande a lydia, peccato non averti incontrata quella sera alla pizzeria, dove c'erano anche la giovanna mariella elisabetta imma ed infine io.
un'abbraccio forte e contenta di un tuo blog

FairySkull ha detto...

Oh mamma che buoni !! Complimenti a tutti !! Ciao !!

Adriano ha detto...

Ti ho trovato casualmente, passando da senzapanna, e mi ha fatto davvero tanto piacere.
Ti...vi faccio un mondo di auguri, conosco la qualità e sono certo che in breve sarà tra i blog più frequentati.

Lydia ha detto...

Ciao Carmen!!!

robertopotito ha detto...

ciao Adriano che piacere e che onore!!!!

anna righeblu ha detto...

Che bella proposta! Copio subito la ricetta...spero di riuscire a prepararli...
A presto